Comunicazione ai sensi dir. 2009/136/CE: questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione. L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser

Mai installare Firmware non originale!

Inserito in News-Blog

Trovarsi di fronte a nuovi dipi di minaccie non è una bella sensazione, soprattutto quando non c'è nessun tipo di supporto e ci si trova per primi a fronteggiare il problema. Il nostro staff ha individuato un nuovo tipo di operazione malevola che ci sentiamo in dovere di condividere con i nostri lettori.

Per gli smanettoni di cellulari e dispositivi mobili si preannunciano tempi duri, specie per coloro che installano versioni modificate che promettono migliorie e prestazioni fantasmagoriche. E si, perchè mentre le versioni ufficiali vengono sottoposte a test, a dure prove di enforcement della privacy e tutela dati, le versioni modificate non devono rispondere a nulla di tutto questo. Non a caso chi rilascia queste versioni modificate inserisce note di delega di responsabilità.

Bene, ciò premesso, che cosa potrebbe mai accadere se un utente decide di installare sul proprio tablet o sul proprio smartphone una versione moddata di Android o un jailbreak per iPhone? "E che potrà mai accadere... alla peggio ci si ritrova applicazioni che non si desiderano o pubblicità selvaggia, giusto?" Sbagliato. Sbagliatisimo!

Welcome Windows 10!

Inserito in News-Blog

Cominciamo subito con lo sfatare un mito: l’aggiornamento gratuito la copia di Windows già in esecuzione sul PC dovrà essere originale. Se il sistema operativo di provenienza non è originale, nel passaggio alla versione di Windows 10 la cosa emergerà. Sappiatelo. Le versioni di questo windows sono essenzialmente quattro: Home, Pro, Enterprise ed Education. Se si effettua un aggiornamento ci si ritroverà con la versione occrispondente del nuovo sistema: da Home a Home, e da Pro a Pro. L’unica eccezione la faranno i possessori di Windows 7 Ultimate, che probabilmente (non esistendo un Windows 10 Ultimate) si vedranno consegnare anche loro una versione Pro. Beh, per quanto sia una cosa consolidata, lo scriviamo a beneficio di chi ancora non lo sa: chi arriva da un Windows a 32 bit non potrà fare il salto a 64 bit neanche se il proprio processore è compatibile. L’unico modo per fare questo cambio è lasciare perdere Windows Update, scaricare un’immagine completa da incidere su dvd e reinstallare da capo il sistema operativo perdendo di conseguenza app e impostazioni.  Ultimamente c'è stato un gran discutere su quali nuove caratteristiche verranno ad essere implementate in windows 10, pertanto, fuganto ogni dubbio, è ufficiale che dall’assistente vocale Cortana ai Desktop Virtuali passando per l’utilizzo di Continuum, il browser Edge e il supporto al riconoscimento biometrico di Hello, saranno tutte incluse nel pacchetto base . Per gli amanti del genere, per la prima volta un nuovo Windows sarà venduto anche sotto forma di chiavetta. Nulla di strano in uno scenario dove sono sempre più i dispositivi senza supporto DVD. odo verrà al pettine.

L'aggiornamento a WIndows 10 solitamente avviene tramite una prenotazione, ed appare una icona a destra nella taskbar. Ma se ciò non dovesse avvenire, esiste un metodo alternativo. In primis occorre andar qui e scaricare il file, per poi eseguirlo con i diritti amministrativi. se vien fuori qualcosa tipo verione RTM di Windows 7 e Windows 8.1, così come Windows 8, Windows RT e Windows Phone 8.0, beh, pazienza. queste versioni non potranno essere agiornate. Diversamente il file batch installerà ciò che è necessario, in autonomia, affinche si sia eleggibili per la prenotazione di windows 10.

Abbiamo testato approfonditamente questo nuovo sistema, utilizzandolo in maniera massiccia e sottoponendolo a diversi stress. Diciamolo subito, occorre una macchina recente per sfttuttarlo appieno, tuttavia anche un calcolatore datato potrà beneficiarne, magari senza spingere troppo l'accelleratore, poichè il core code sfrutta meglio l'hardware presente rispetto ai suoi predecessori. Non abbiamo rilevato alcun gap o problematica con i software più blasonati, qualhe applicazione datata richiede privile gi amministrativi, è vero, ma nella sostanza ci sembra un sistema stabile, robusto e performante. Specie in ambiente enterprise, e sfruttando la rete di dominio active directory, windows 10 da il meglio di se. Ci sembra che l'architettura di base sia ancora quella del glorioso windows vista, core 6, ma avremo modo di appurare la cosa nei prossimi giorni.

Cancellare tutta la vecchia posta di Gmail in un colpo solo

Inserito in News-Blog

"Ho un milione di Email vecchie in GMAIL!" A chi non è capitata mai una cosa del genere? Magari c'è roba talmente vecchia che non serve più, e ci piacerebbe mantenere solo quello che va da una certa data in poi... c’è un modo per cancellare tutto quel che non ci serve in una volta sola?

Beh, Un modo c’è! Si tratta di usare un comando, o meglio un filtro che è poco conosciuto.

before:aaaa/mm/gg

Faciamo un esempio: vogliamo concellare email prima del 1° Gennaio 2013, Andiamo nel campo ricerca in GMAIL ed inseriamo

before:2013/01/01

Il filtro viene applicato, ok, ma magari abbiamo sottocartelle e non riusciamo avisualizzare tutto quel che occorre. Beh, in realtà non è così difficile selezionare queste email nidificate.

A) selezioniamo la spunta che ci permette di selezionare tutte le email (in alto a sinistra)
B) clicchiamo sulla voce a destra "seleziona tutte le conversazioni che corrispondono alla ricerca"
C) clicchiamo sull'icona del cestino.

In un sol colpo avremo cancellato tutta la posta da una certa data in poi!

Il DVD scomparso in Windows 8...

Inserito in News-Blog

Questa storia ha i connotati di un giallo poliziesco: dopo la migrazione a Windows 8 o al suo successore 8.1 in alcuni casi il lettore DVD scompare e non lascia tracce di se... Inutile aprire il calcolatore per verificare che i cavi siano ben connessi, poiché si scopre che lo sono, a questo punto si sentono spesso utenti che, disperati, acquistano un nuovo lettore nella convinzione che il precedente sia rotto... salvo ritrovarsi nella medesima condizione anche col nuovo giocattolo!

Autocad 2014 e Windows 8.1: Un matrimonio finalmente saldo!

Inserito in News-Blog

All'inizio ci fu rabbia e malumore: utenti arrabbiati col supporto Microsoft, utenti incavolati contro Autodesk, contro i Computer, contro tutto e tutti.... certo, se paghi per ottenere supporto e poi scopri che l'amico che ha crakkato il tutto riesce a far girare le applicazioni che tu compri... Beh, un poco t'incazzi dai.
Eppure, dopo aver sottoposto la questione sia a Microsoft che ad Autodesk, finalmente si è arrivati ad una conclusione definitiva: il problema si presenta solo per quegli utenti che, avendo Autocad 2014 installato su Windows 8, decidono di migrare ad 8.1 ; insomma, se si ha già Windows 8.1 e s vuol installare AutoCAD 2014 il problema non esiste. In realtà questa anomalia si presenta con tutte le versioni, anche precedenti alla 2014, se si migra ad 8.1 cominciano i dolori.

La brutta notizia è che se si disinstalla, a migrazione avvenuta, oppure si torna indietro rimuovendo 8.1 il problema sussiste.
Cosa deve fare quindi un poveraccio che è incappato nella situazione appena descritta?
La cosa on è difficilissima, ma richiede impegno. Dopo aver sottoposto la questione ad entrambe le casi produttrici, dicevamo, l'unica che ci è venuta in soccorso è stata Microsoft, tramite il suo supporto ufficiale (answer ma anche via call center). Autodesk invece continua a girare attorno al problema senza dare una qualche proposta con un minimo di utilità.